DEVIATE DAMAEN INTERVIEW G/AB SVENYM VOLGAR

magazinerockersandotheranimals

3/31/2021 29 min read

Culturally strong and with sharpened blades, Deviate Damaen return with "Skizzi Di Rischio" for Hellbones Records, a collection containing 12 tracks distributed in 30 years of career and never included in the official discography of the band.
Defiant enough, stringent but fair, the band prides itself on a 30-year career.

Welcome to Rockers And Other Animals. First of all, I apologise for not interviewing you before but if I do not have clear ideas and enough intelligent questions to ask, I prefer not to ask anything.
I start with the first question, listening to your last work, (a collection that marks the band's longstanding career), I ask myself and I ask to you how many topical moments have you had?

Thank you, Valeria, I have great esteem for your critical cut, never taken for granted, so I will answer your questions with the care that belongs to me, but also with the added value that I reserve for nonconformist spirits (and you are few even in your sector).  "Skizzi Di Riskio" is part of the digitized recompilation of our entire discography, and it collects, more specifically, all the singles, amenities and unpublished songs excluded from the albums previous to "Retro-Marsch Kiss", with the addition of some tracks resulting from my collaborations with artists outside the band.
It is our firm intention to aspire to every free spirit the sowing of the entire musical, aesthetic and literary production of the Deviate Damaen, over the centuries and in every possible format. We will fuck it up the "Great Reset", as we have long used "alternative" strategies for the diffusion of our audiophonic material. "Skizzi di Riskio" also contains the single 2020 "Buon Maiale!", a mocking sound of immigrations and, musically, the link between the formation of "In Sanctitate...".and that of the new albums in preparation. As is well known, it is my habit to break up the band after each album release to reconstitute it ad hoc in view of the next one.

Listening to you for a long time, I don't like to classify your music, close it in a sterile label, I like to call you more theatrical. I like the recited parts that often compose your songs, was this prose in music born deliberately? And if so, how? I am curious about this tendency in your works.

Framing an eclectic and rebellious project like DD always puts a strain on anyone who tries their hand at it. So let your nose and instinct guide you to do it, and you won't go wrong.
Music is only one of the expressive expedients of our artistic mission; therefore, acting, photography, aesthetics, lyrics and the re-proposal of classical texts and literary works taken from our cultural bedrock are just as much.  Obviously each work has its own "mood", concept and identity, but this does not prevent us from exploring, even between one track and another, apparently irreconcilable terrain, far removed from that of a metal band.
My acting peculiarities have also led me to stimulating collaborations with very heterogeneous bands, from Stormlord to Black Shine Fever, from Immortadell to Ianva, from Aborym to Cultus Sanguine, from Imago Mortis to ZetaZeroAlfa Drumo and from Corazzata Valdemone to Velch.
This aspect of my activity as a musician has always been extremely dynamic, and often - not always - has built up beautiful artistic associations and important personal friendships.
I have to admit I consider incoherence the worst defect of mediocre man; and therefore, as a great lover of Dante, I am ready, like Cerberus, to bang those who are afflicted among the most shitty circles of the underworld.
I have no mercy with all those former barricaders, now gray and lardly, who have given up their youthful idealisms for a handful of ‘kibble’ thrown at them by mainstream ‘kitten lovers’.
And it is not a metaphor, as in our drone album (in preparation) there will be episodes from Dante dedicated to these whores.





Deviate Damaen, interview, skizzi di riskio, rockers and other animals
Deviate Damaen, interview, skizzi di riskio, rockers and other animals

“L'elite De Notra Merd” is clearly a joke on the numerous, too many, incoherent ones in Italy. Do you think the same thing happens in other countries or is it a typically Italian attitude, i.e. incoherence?

I have to admit I consider incoherence the worst defect of mediocre man; and therefore, as a great lover of Dante, I am ready, like Cerberus, to bang those who are afflicted among the most shitty circles of the underworld.
I have no mercy with all those former barricaders, now gray and lardly, who have given up their youthful idealisms for a handful of ‘kibble’ thrown at them by mainstream ‘kitten lovers’.
And it is not a metaphor, as in our drone album (in preparation) there will be episodes from Dante dedicated to these whores.


“Unisex Borg” is one of the many songs that I appreciate and the compilation  ”No of this earth vol. 2” of which it is part intrigued me. How did this project come about and how does it feel to see your name along with Paul Chain's, with whom you have also played?

Yes, Black Widow invited us to participate in that original compilation as we were coming out of the publication of "Propedeutika Ad..."; so we opted for an entirely electronic track dedicated to the sexy-cyborg nature of Star Trek's Borg. A song definitely not very "doom", considering that bands like Candlemass and Paul Chain himself. An artist, the latter, who we always respected and with whom we shared the stage in the summer of '94; we already knew each other personally, but perhaps he expected a more mystical band, since during that live performance I rushed with hard cock on the guitarist while our reverend Lefebvrian at that time, Don Alexio Bavmord, showed great enthusiasm to the organ heedless of our erotic ardor. And so only the fog machine on stage remained mystical. We had a lot of fun.


As well as the piece “Nightlight” is very interesting in its nature and the project itself of which you are part, how did you live this experience?

"Nightlight" is a remix of a song by Stayer, the band of our debut guitarist, the legendary Arri. A rather "noise" and experimental project, 2 guitars and no bass. I really liked that instrumental piece of theirs, so I made a vocal remix of it with a little bit of my grace ..et voila'.


Deviate as musicians, don't create anything they don't think, therefore "politically incorrect” (beyond any political idea that accompanies you). In your opinion, why this urge to be correct at all costs in what revolves around the musical world, when instead bands like Sex Pistols or The Stooges have written a piece of history and are remembered for their lyrics and attitudes? What has changed in the approach? Why doesn't anyone, or at least a few, want to expose themselves?

I think this argument is at the basis of the decadent historical moment we live in, as artists and as "populus". The fight against the politically correct has always been the daily bread of our artistic militancy; so much so that we have pre-determined in advance nefarious ethno-masochist projects which today are given rhetorical names such as "Blackwashing", "Blacklivesmatter", "Cancel Culture" and "Great Reset".
The new vocabulary of cultural and demographic genocide that globalisation is inflicting on the West with the aim of eradicating the Greek-Roman-Gothic genome and replacing it with the toxic amorphous and mestizo basicity imposed by the globalist potentates. We Dame Deviate have been wiping our asses with this stuff for 30 years, so we're not going to use toilet paper now, are we? Songs such as "Brothers of the West, Save Us All From Extinction" certainly don't skimp on clarity of intent about our battle against the global fanfares, whose soundtrack is undoubtedly that Rap music which, not surprisingly, has taken the place of rock and discomusic in commercials, the main Tornasole map of how people's tastes turn.
Now the politically correct has been added to the pandemically correct one: and the starlets of the regime are competing with the most flamboyant and signed muzzles. At this point of the censorship offensive, the distribution of the subversive Opera becomes the weak link in the communication chain between the Artist and the outside world; between the Poet and history.
If we surrender to listen to music only in streaming, without really possessing the sound, textual and visual substance of the music, as was the case with vinyl, CDs or even simply downloadable digital formats, it will be enough for some asshole to cut the power to the network to silence us and suppress our Art forever. But since we weren't born yesterday, we've already put it up our ass to "their" intentions: in addition to distributing our music in strictly physical editions, for years we've been leaving our CDs on benches, under statues, on fountains, and we're committed to forward into the innermost recesses of archaeological sites, lake mirrors and mountain peaks capsules sealed with cutting-edge materials to withstand time, containing the best of our sound digitization and paper miniaturization.
So let's say nicely to those who wanted to make us disappear, to kiss my ass.

Talking about the previous album "In Sanctitate, Benignitatis Non Miseretur!”, for which I objectively should have interviewed you, I consider it the most musical album you have released, is that right?
Musical extremisms for Deviate are the norm, as well as experimentation, and yet in this album they are not the characteristic. Was it a choice or more an evolution of the sounds in the composition phase?

Yes, you're right. It is perhaps DD's most musical and metal album. We wanted to pay homage to the genre that is currently the main heir of the entire Western sampler, since the Classica is becoming as generativity extinct as its audience, alas, now elderly.
A genre, Metal, that we had always lapped but never tackled head-on and in its most extreme keys, doom and black. In addition, for the occasion, we enlisted a highly original musician from outside the band, Vincent Felis, who helped us maintain a certain environmental and sound coherence, as well as giving us melodic pearls like "I'll Wait For Elsewhere". The writing of the Opera was the occasion, therefore, for new inclusions and new enlistments, such as Messor, the beautiful virgulto to whom I entrusted the most "black" voices, the use of Aztec DeatWhistle and, as a Socratic son, followed me in the hiking adventures aimed at recording sounds and natural reverberations on the thrace of gorges, bunkers and sanctuaries overlooking the mountains.
The intensity of timbre and style of this album is supported by the thirty, or so, external collaborations we have hosted to help us channel the band's traditional creative energies towards a more musical key, although there is no lack of acting, punk, experimentation and ancient music. I won't hide the fact that such a stylistic framework weighed heavily on me, especially after a free, glamorous and ramshackle album like the previous "Retro-Marsch Kiss" that much better embodied the band's historical nature. So, once this doom epic is over, we'll be back there again, but with an even stronger dose of '80s "dance".
Last but not least, so much quality and freedom are made possible only thanks to our grey eminence Ark (Carlo Meroni), the band's sexiest lips, owner of ADSR Decibel Studios, eclectic musician and sound engineer with steaming assholes who, besides being able to make me sing in time, allows us any whim of sound and timbre. And DDs are very whimsical...

I am interested in the choice of the abbey of Sant'Eutizio, why did you choose this place where, if I am not mistaken, the album was born? (With its bells in the first track)

Being of Marche blood (like Paul Chain) and the Ghibelline Marche being very tied to the imperial ideal to which Dante adhered, I have often used those places as a theatre of suggestion for our compositions.  From the Stabat Mater of Pergolesi (who was from Macerata) to the text of "Nazi Anathem" born in '96 during my spiritual retreat at the abbey of Fonte Avellana on Mount Catria, or the noise backgrounds recorded at the hermitage of the White Friars of Cupramontana, the Marches have always been a land of great inspiration for the Deviate Damaen. Sant'Eutizio in Valnerina (the patron saint of the sick) has long been on my hiking agenda, even as a stopover on a biker's trail culminating with the waterfall of San Lazzaro, the saint of the plague victims. And given the themes of the album centred precisely on the concept of "sanctitas" understood as the supremacy of the Sublime over the mediocrity of goodism, it seemed to me the ideal place where I could retire to write the lyrics and capture images and sound settings. Fate wanted those bells, immortalized in the intro of "In Sanctitate...", to collapse shortly after my stay there, following the earthquake of 2016. But thanks to us their sound will never die.

All your works are a hymn to creativity, eccentric and paradoxical. How do you manage to give a shape without restraint or limits?

I can only tell you that DDs were born with such a privilege because for me it is natural never to compromise with censorship. Perhaps the secret is also to live Art as the delight of the Gods and not the craft that must give you a living. Because if instead of being an artist of yourself you end up becoming an employee of your record label or, worse, a slave to your audience, yours will no longer be Art, but a coin-operated business. This philosophy, together with our total management autarchy, makes the band a finger on the ass for any censorship, on the one hand, and for all those colleagues who play "the uncomfortable" without ever having pissed on the ties that matter, on the other.


deviate damaen, skizzi di riskio, rockers and other animals, interview

Looking around you in what the Italian metal scene, how many musicians and bands have remained coherent and how many have changed in the direction for more favourable winds?

Ah, what a wonderful provocateur you are, Valeria! It's enough to count the number of those servants who put blacklivesmatter's shit-coloured dot on their facebook profiles; or those sissies with bow, apron and sanitary mask ready to write the name of the naughty children on the blackboard.  Anything that diverges from the politically correct Single Thought will be increasingly considered subversive, sacrilegious and supremacist, and will be outlawed, as the algorithms of globalist digitisation already do. At which point, we free artists will assume the role of mentors of a new identity "resistance". And we won't have any fears whatsoever, rest assured; on the contrary, those who will do their best to cause us trouble will only give us a lot of publicity.


Isn't the term underground in your opinion too overused nowadays considering the fact that we have never had a real metal scene outside the underground in Italy?

I have always been wary of the use of barbarism as "underground" to define something that in Italy does not have an exact equivalent. I, as I have already expressed several times along this interview, divide art only into "free" and "servant". I have no other parameters, even less those dear to the ticks or, worse, to certain chopsticks of that intellectualoid (NDR In Italian language: Who or how much is exhausted in the ostentation of a culture more apparent than real.) right made of whining and whining mummies, incapable of any madness or futurist leap. Let them take a shit too.

What will the Deviate Damaen give us after enjoying Skizzi di Rischio? Is there already any idea for a new album?

Of course we do. There are 3 new albums in the agenda. One of style straddling "Religious As Our Methods" and "Retro-Marsch Kiss", as an idea, and the new line-up will work on it mainly with the rockabilly guitarist/synthetist DanPk, the multi-instrumentalist Z°g (already with The Murgen) and the sparkling bassist Sin, already with Labyrinthus Noctis and already guest with us on "Schiuma Su Sto Scroto, Progressive! It will be entitled "Soqquadro Tanz", and it will be the most danceable work ever tackled by DD. The word "soqquadro" is the paradigm of the spelling exception par excellence, the double Q instead of Cq; just like us.
Then we will face, assisted by a host of guests who will go from friends and associates Sister Judha and Iblis of Velch, to the eclectic sound experimentalist Stefano Bertoli, to the very personal blackster Skvld, an album of Drone music.
In particular, with Velch we are forming a choir, the "Coro Cerimoniale della Milizia di Velch" (Ceremonial Choir of the Velch Militia), which will help to forge the choral parts of the future works of the respective bands, so as to retrace the mythical choreographic art of the theatrical performances of our Greek, Etruscan and Roman ancestors.
And again, but this is only an intention for now, we are thinking of an Oi music album that will also involve musicians from the area of identity.
Then we will face, assisted by a host of guests who will go from friends and associates Sister Judha and Iblis of Velch, to the eclectic sound experimentalist Stefano Bertoli, to the very personal blackster Skvld, an album of Drone music.
In particular, with Velch we are forming a choir, the "Coro Cerimoniale della Milizia di Velch" (Ceremonial Choir of the Velch Militia), which will help to forge the choral parts of the future works of the respective bands, so as to retrace the mythical choreographic art of the theatrical performances of our Greek, Etruscan and Roman ancestors.
And again, but this is only an intention for now, we are thinking of an Oi music album that will also involve musicians from the area of identity.
Maybe distributed in music cassette...who knows.
I have intentionally left for last the preparation of an individual for the compilation of a magnificent project of which we can declare ourselves the first signatories. It is a "compilation" conceived and promoted by the intrepid musicologist and musician Antonello Cresti, all dedicated to the "politically correct" and his guard dogs. Here, the genius and courage of Cresti's initiative consists precisely in his determination to make the appeal, from a mediatically high ranking bench, of who is really rebellious and who is not. Of those who intend to put their faces to spit against the statues destroyers and the regime's ass-kissers, and those who do not.
The appeal of those who put the mask on their face and those who put it on their ass (as we did). It is no coincidence that the compilation will be entitled "O Sarai Ribelle, O Non Sarai" and will be digitally distributed by our own Hellbones Records. It will be a pleasure for me to finally see all those pusillanimous people that I have been waiting for years to come out of the hole of their circle-bottlenecks, whose names - I am sure - will be on the list of participants.


Is it true or is it an urban legend that some of your colleagues have moved away from your collaboration?

I have to say that it is not a legend at all. There have been abjurations of some vocal collaborations that have been requested of me over time, abjurations due to the discomfort that DDs sometimes represent even in the eyes of their own sodalities, who ask us for collaborations and then regret it.  Yes, because it is one thing to admire an artist like myself for his subversive courage; it is another thing to accept to get your hands dirty with him in the eyes of your audience, perhaps not particularly accustomed to admiring his ass. Sure, you'll tell me: but couldn't they have thought of that before? Yes, they should have, in fact; but perhaps the greed of the media to have my name among their guests has led them to exaggerate with dessert, and now, instead of locking themselves in the gym and hoarding all that vital energy, they have locked themselves in the toilet begging not to shit the wall.

In these 30 years is there anything you would change in your career as an artist?

No. First of all because the history of a human life, just like that of the whole world, is not rewritten, if anything, it is improved for the days to come. And then because I had too much fun, from every point of view, and I wouldn't know what to invent to do better in the next life. Maybe trust someone less.

Let me tell you a 'behind-the-scenes' episode. When I was deputy editor-in-chief of an Italian webzine, a reviewer refused to listen to your music and review it. I took the honour and the responsibility of reviewing it myself. Then the site became my property, hached and magically a lot of articles disappeared, including your review. This reviewer focused on political ideas.
Why do you think politics is so deep-rooted that it erases the obvious that music should be ‘super partes’?

I know perfectly well that DDs are the absolute evil for a lot of printing. Partly because many publishers fear their readers' reactions to the divisiveness of the provocations we launch in interviews; partly because we are directly on the ass of certain publishers. Having said that, I have to point out a great positive ferment towards our band, especially after the release of "In Sanctitate..." which was received with a lot of openness and excellent reviews also from mainstream platforms.
I know perfectly well that DDs are the absolute evil for a lot of printing. Partly because many publishers fear their readers' reactions to the divisiveness of the provocations we launch in interviews; partly because we are directly on the ass of certain publishers. Having said that, I have to point out a great positive ferment towards our band, especially after the release of "In Sanctitate..." which was received with a lot of openness and excellent reviews also from mainstream platforms. This shows two things: that what we have been preaching for years was not so absurd and unlikely (think about the ongoing ethnic substitution theme); and that our artistic value does not depend on our political ideas. Evidence of this is that the censorship strategy of our detractors has changed completely: while before they used to fart at every fart we made, clapping and tearing their hair out, now they have gone into total silence to avoid advertising us. And they have explicitly stated this on several occasions, creating a sort of tam tam to publish neither news nor reviews nor interviews on DDs. So, know, Valeria, that you are committing a subversive act not only against the politically correct, but also against many of your "colleagues".


Thanks for your time, the interview has come to an end even though there are millions of questions to be asked.
How would you conclude this interview? Is there something you would like to add, something I haven't asked you?

Thank you for your dedication, courage and availability (as well as for the translation). I conclude with two invitations: the first one to musicians of identity area who strut their stuff between a bignami of Evola and a spider's web on their lapels, without ever having done a concrete fucking thing: lower your crests and, rather, move your ass by participating in the compilation by Antonello Cresti (you can find the announcement on his profile).
The second one to the blackmetallers: if you really want to show how extreme and ferocious you are, instead of desecrating deserted churches and pissing in your grandmother's Lourdes madonnas, go and get mad at those shit religions that slice your dick if you don't doggy-style at least 5 times a day. Your girls won't even notice.

My suavity,
G/Ab Svenym Volgar of the Xacrestani, leader of the Deviate Damaen


Valeria Campagnale

DEVIATE DAMAEN

INTERVIEW G/AB SVENYM VOLGAR
(
Italian version exclusively for Deviate Damaen)

Culturalmente dotati e con lame affilate, i Deviate Damaen ritornano con "Skizzi Di Rischio" per Hellbones Records, una raccolta contenente 12 brani distribuiti in 30 anni di carriera e mai inseriti nella discografia ufficiale della band.
Abbastanza provocatoria, severa ma giusta, la band vanta una carriera trentennale.

Benvenuti su Rockers And Other Animals. Prima di tutto, mi scuso per non avervi intervistato prima, ma se non ho le idee chiare e domande abbastanza intelligenti, preferisco non chiedere nulla.
Comincio dalla prima domanda, ascoltando il vostro ultimo lavoro, (una raccolta che segna la lunga carriera della band), mi chiedo e vi chiedo quanti momenti topici avete avuto?

Grazie, Valeria, ho grande stima del tuo taglio critico mai scontato, quindi risponderò alle tue domande con la cura che m’appartiene, ma anche col valore aggiunto che riservo agli spiriti anticonformisti (e siete pochi anche nel tuo settore).
“Skizzi Di Riskio” si inserisce nel contesto di ricompilazione digitalizzata di tutta la nostra discografia, e raccoglie, nello specifico, tutti i singoli, le amenità e gli inediti esclusi dagli album precedenti a “Retro-Marsch Kiss”, con l’aggiunta di alcuni brani frutto di mie collaborazioni con artisti esterni alla band. E’ nostra ferma intenzione aspergere ad ogni spirito libero la semina dell’intera produzione musicale, estetica e letteraria dei Deviate Damaen, nei secoli dei secoli ed in ogni formato possibile. Noi lo metteremo in culo al “Grande Reset”, poiché da tempo utilizziamo strategie “alternative” per la diffusione del nostro materiale audiofonico. “Skizzi di Riskio” contiene inoltre il singolo 2020 “Buon Maiale!”, un sonoro dileggio dell’immigrazionismo e, musicalmente, l’anello di congiunzione fra la formazione di “In Sanctitate...” e quella dei nuovi album in preparazione. Come è noto è mio vezzo quello di sciogliere la band dopo ogni uscita di album per ricostituirla ad hoc in vista di quello successivo.

Ascoltandovi da molto tempo, non mi piace classificare la vostra musica, chiuderndola in un'etichetta sterile, preferisco considerarvi teatrali. Mi piacciono le parti recitate che spesso compongono le tue canzoni, questa prosa in musica è nata deliberatamente? E se sì, come? Sono curiosa di sapere questa tendenza nei tuoi lavori.

Inquadrare un progetto eclettico e ribelle come i DD mette sempre a dura prova chiunque si cimenti nell’impresa. Quindi, lasciati guidare dal tuo fiuto e dal tuo istinto per farlo, e non sbaglierai.
La musica è solo uno degli espedienti espressivi della nostra missione artistica; quindi, la recitazione, la fotografia, l’estetica, le liriche e la riproposizione di testi classici e di opere letterarie tratte dal nostro alveo culturale, lo sono altrettanto.
Ecco perché, ascoltando un qualsiasi album dei DD, ti capiterà di passare dal black metal alla dance, dall’elettronica all’Eneide e dalla musica barocca al drone anche fra un pezzo e l’altro. Naturalmente ogni lavoro reca seco un proprio “mood”, un proprio “concept” ed una propria identità; ma ciò non ci impedisce di sondare, anche fra un brano e l’altro, terreni apparentemente inconciliabili fra loro e molto distanti da quelli mediamente calcati da una metal band.
Le mie peculiarità recitative, inoltre, mi hanno procacciato stimolanti collaborazioni con band molto eterogenee, dagli Stormlord ai Black Shine Fever, dagli Immortadell agli Ianva, dagli Aborym ai Cultus Sanguine, dagli Imago Mortis agli ZetaZeroAlfa Drumo e da Corazzata Valdemone ai Velch. Tale aspetto della mia attività di musicista è sempre stato estremamente dinamico, e spesso – non sempre - ha edificato bei sodalizi artistici e amicizie personali importanti.

“"L'elite De Notra Merd" è chiaramente una presa in giro sui numerosi, troppi, incoerenti in Italia. Pensi che la stessa cosa accada anche in altri Paesi o è un atteggiamento tipicamente italiano, cioè incoerente?

Debbo ammettere di considerare l’incoerenza il peggior difetto dell’uomo mediocre; e quindi, da grande appassionato di Dante, sono lì pronto come Cerbero a sbattere chi ne è afflitto fra i gironi più merdosi degl’inferi. Ecco che non ho pietà con tutti quegli ex barricaderi, ora brizzolati e lardosi, che hanno mollato i loro idealismi giovanili per un pugno di croccantini lanciatogli dai gattari del mainstream.
E non è una metafora, poiché sul nostro album drone in preparazione, ci saranno episodi danteschi dedicati proprio a queste puttane.


"Unisex Borg" è una delle tante canzoni che apprezzo e la compilation "No of this earth vol. 2" di cui fa parte mi ha incuriosito. Come è nato questo progetto e come ci si sente a vedere il proprio nome insieme a quello di Paul Chain, con il quale avete anche suonato?

Sì, la Black Widow ci invitò a partecipare a quella originale compilation mentre uscivamo dalla pubblicazione di “Propedeutika Ad...”; così optammo per un brano interamente elettronico dedicato alla natura sexy-cyborg dei Borg di Star Trek. Un brano decisamente poco “doom”, considerando che partecipavano anche band come i Candlemass e lo stesso Paul Chain. Artista, quest’ultimo, da noi sempre stimato, e col quale condividemmo il palco nell’estate del ’94; già ci conoscevamo di persona, ma forse lui si aspettava una band più mistica, dato che durante quel live io mi avventai a cazzo duro sul chitarrista mentre il nostro reverendo lefebvriano dell’epoca, Don Alexio Bavmord, furioseggiava all’organo incurante del nostro ardore erotico. E così di mistico rimaneva solo la macchina per la nebbia sul palco. Ci divertimmo un casino.

Così come il brano "Nightlight" è molto interessante per la sua natura e il progetto stesso di cui fai parte, come hai vissuto questa esperienza?

“Nightlight” è il remix di un brano degli Stayer, la band del nostro chitarrista degli esordi, il mitico Arri. Un progetto sui generis piuttosto “noise” e sperimentale, 2 chitarre e niente basso. Quel loro pezzo strumentale mi piaceva assai, così ne feci un remix vocalizzandoci sopra un po’ di mia grazia ..et voila’.

I Deviate come musicisti, non creano nulla che non pensano, quindi "politicamente scorretto" (al di là di ogni idea politica che vi accompagna). Secondo te, perché questa voglia di essere corretti a tutti i costi in ciò che ruota attorno al mondo musicale, quando invece band come i Sex Pistols o The Stooges hanno scritto un pezzo di storia e sono ricordati per i loro testi e i loro atteggiamenti? Cosa è cambiato nell'approccio? Perché nessuno, o almeno alcuni, vogliono esporsi?

Credo che tale argomento sia alla base del decadente momento storico che viviamo, come artisti e come “populus”. La lotta al politicamente corretto è sempre stata il pane quotidiano della nostra militanza artistica; tanto che noi abbiamo preconizzato con largo anticipo nefasti progetti etnomasochisti cui oggi si danno nomi retorici come “Blackwashing”, “Blacklivesmatter”, “Cancel Culture” e “Great Reset”.
Il nuovo vocabolario del genocidio culturale e demografico che la mondializzazione sta infliggendo all’Occidente col fine di estirparne il genoma greco-romano-gotico per sostituirlo con quella tossica basicità amorfa e meticcia imposta dai potentati globalisti. Noi Dame Deviate con questa roba ci puliamo il culo da 30 anni, quindi non ci metteremo certo ora ad usare la carta igienica, non credi? Brani come “Fratelli d’Occidente, Salviamo Noi Stessi Dall’Estinzione” non lesinano certo chiarezza d’intenti circa la nostra battaglia contro le fanfare del mondialismo, la cui colonna sonora è senz’altro quella musica Rap che non a caso ha preso il posto del rock e della discomusic negli spot commerciali, la principale cartina Tornasole di come girano i gusti della gente. Ora al politicamente corretto si è aggiunto il pandemicamente corretto: e le starlette di regime fanno a gara a chi sfoggia museruole più sgargianti e firmate.
A questo punto dell’offensiva censoria, la distribuzione dell’Opera eversiva diventa l’anello debole della catena comunicativa fra l’Artista e il mondo esterno; fra il Poeta e la storia. Se ci arrendiamo ad ascoltare la musica soltanto in streaming, senza possederne davvero la sostanza sonora, testuale e visuale come avveniva coi vinili, i Cd o anche semplicemente i formati digitali scaricabili, basterà che qualche stronzo stacchi la corrente alla rete per silenziarci e sopprimere la nostra Arte per sempre. Ma poiché non siamo nati ieri, lo abbiamo già messo nel culo alle “loro” intenzioni: oltre a distribuire la nostra musica in edizioni rigorosamente fisiche, da anni lasciamo i nostril Cd sulle panchine, sotto le statue, sulle fontane, e ci impegnamo ad inoltrare negli anfratti più reconditi di siti archeologici, specchi lacustri e vette montane capsule sigillate con materiali all’avanguardia per resistere al tempo, contenenti il meglio della nostra digitalizzazione sonora e miniaturizzazione cartacea. Quindi, diciamo bellamente a chi avesse intenzione di farci sparire, di attaccarsi al cazzo.

Parlando del precedente album "In Sanctitate, Benignitatis Non Miseretur", per il quale avrei dovuto obiettivamente intervistarti, lo considero l'album più musicale che hai pubblicato, vero?
Gli estremismi musicali per Deviate sono la norma, così come la sperimentazione, eppure in questo album non sono la caratteristica. È stata una scelta o più un'evoluzione dei suoni in fase di composizione?

Sì, hai ragione. E’ forse l’album più musicale e metal dei DD. Abbiamo voluto rendere omaggio al genere attualmente principale erede dell’intero campionario occidentale, dato che la Classica si sta estinguendo generazionalmente come il suo pubblico, ahimé, ormai anziano.
Un genere, il Metal, che avevamo sinora sempre lambito ma mai affrontato di petto e nelle sue chiavi più estreme, il doom e il black. Inoltre, per l’occasione, abbiamo arruolato un originalissimo musicista esterno alla band, Vincent Felis, che ci ha aiutato a mantenere una determinata coerenza ambientale e di suono, oltre ad averci regalato perle melodiche come “Aspetterò L’Altrove”. La stesura dell’Opera è stata l’occasione, quindi, per inedite inclusioni e nuovi arruolamenti, come Messor, il bel virgulto al quale ho affidato le voci più “black”, l’uso dei DeatWhistle aztechi e che, da figlio socratico, mi ha seguito nelle peripezie escursionistiche mirate alla registrazione di suoni e riverberi naturali sulle trace di gole, bunker e santuari a picco sui monti. Corredano, poi, l’intensità timbrica e stilistica di quest’album la trentina di collaborazioni esterne che abbiamo ospitato per aiutarci a convogliare le tradizionali energie creative della band verso una chiave più musicale, sebbene non manchino i recitati, il punk, la sperimentazione e la musica antica. Non ti nascondo che un tale inquadramento stilistico mi è pesato, soprattutto dopo un album libero, glam e sgangherato come il precedente “Retro-Marsch Kiss” che molto meglio incarnava la storica indole della band. Pertanto, terminata quest’epopea doom, lì torneremo, ma con una dose di “dance” anni ’80 ancora più forte.
Last but not least, tanta qualità e libertà sono resi possibili solo grazie alla nostra eminenza grigia Ark (Carlo Meroni), labbra più sexy della band, titolare del ADSR Decibel Studios, musicista eclettico e ingegnere del suono dai coglioni fumanti che, oltre a sapermi far cantare a tempo, ci consente qualsiasi capriccio sonoro e timbrico. E i DD sono molto capricciosi...

Mi interessa la scelta dell'abbazia di Sant'Eutizio, perché hai scelto questo luogo dove, se non sbaglio, è nato l'album? (Con le sue campane nel primo brano)

Essendo di sangue marchigiano (come Paul Chain) ed essendo le ghibelline Marche molto legate all’ideale imperiale cui Dante aderiva, ho spesso usato quei luoghi come teatro di suggestione per le nostre composizioni. Dallo Stabat Mater di Pergolesi (che era maceratese) al testo di “Nazi Anathem” partorito nel ’96 durante il mio ritiro spirituale presso l’abbazia di Fonte Avellana sul monte Catria, o agli sfondi noise registrati presso l’eremo dei Frati Bianchi di Cupramontana, le Marche sono sempre state terra di somma ispirazione per i Deviate Damaen. Sant’Eutizio in Valnerina (il protettore dei malati) era da tempo sulla mia agenda escursionistica anche inquanto tappa di un sentiero per bikers culminante con la cascata di San Lazzaro, il santo degli appestati. E date le tematiche dell’album incentrate proprio sul concetto di “sanctitas” intesa come supremazia del Sublime sulla mediocrità del buonismo, mi è parso il luogo ideale ove ritirarmi a scrivere i testi e a catturare immagini e ambientazioni sonore. Fato ha voluto che quelle campane abbazziali, immortalate nell’intro di “In Sanctitate...”, siano crollate poco tempo dopo la mia permanenza in quel luogo, a seguito del terremoto del 2016. Ma grazie a noi il loro suono non morirà mai.


Tutte le tue opere sono un inno alla creatività, eccentriche e paradossali. Come riesci a dare una forma senza freni o limiti?

Posso solo dirti che i DD sono nati con un tale privilegio poiché per me è naturale non giungere mai a compromessi con la censura. Forse il segreto è anche vivere l’Arte come il diletto degli Dei e non il mestiere che deve darti da vivere. Perché se invece che artista di te stesso finisci col diventare impiegato della tua etichetta discografica o, peggio, schiavo del tuo pubblico, la tua non sarà più Arte, ma attività commerciale funzionante a gettoni. Questa filosofia, unitamente alla nostra totale autarchia gestionale, rendono la band un dito al culo per qualsiasi censura, da un lato, e per tutti quei colleghi che giocano a fare “gli scomodi” senza di fatto aver mai pisciato sulle cravatte che contano, dall’altro.

Guardandoti intorno in quello che la scena metal italiana, quanti musicisti e band sono rimasti coerenti e quanti sono cambiati in direzione di venti più favorevoli?

Ah, che meravigliosa provocatrice sei, Valeria! Basta fare la conta di quei servi che hanno messo il pallino color merda del blacklivesmatter sui loro profili facebook; o di quelle femminucce con fiocco, grembiule e mascherina sanitaria pronte a scrivere sulla lavagna il nome dei bimbi cattivi.  
Tutto ciò che diverge dal Pensiero unico politicamente corretto verrà sempre più considerato eversivo, sacrilego e suprematista, e sarà posto fuori legge, come già fanno gli algoritmi della digitalizzazione mondialista. Al che, noi artisti liberi assurgeremo al ruolo di mentori d’una nuova “resistenza” identitaria. E non avremo paure di sorta, statene certi; anzi, chi si prodigherà nel causarci casini ci farà solo tanta pubblicità.


Il termine underground, secondo te, non è troppo usato al giorno d'oggi, considerando il fatto che non abbiamo mai avuto una vera e propria scena metal al di fuori dell'underground in Italia?

Ho sempre diffidato dell’uso di barbarismi come “underground” per definire qualcosa che in Italia non ha un corrispettivo esatto. Io, come ho già espresso più volte lungo quest’intervista, divido l’arte solo in “libera” e “serva”. Non ho altri parametri, tantomeno quelli cari alle zecche o, peggio, a certi bacchettoni di quella destra intellettualoide fatta di mummie piagnone e lamentose, incapaci di qualsiasi follia o guizzo futurista. Andassero a cagare pure loro.


Cosa ci regaleranno i Deviate Damaen dopo aver gustato Skizzi di Rischio? C'è già un'idea per un nuovo album?

Altroché se ne abbiamo. In agenda ci sono ben 3 nuovi album in lavorazione. Uno di stile a cavallo fra “Religious As Our Methods” e “Retro-Marsch Kiss”, come idea, e ci lavorerà principalmente la nuova formazione, che vede come new entries il chitarrista/synthetista rockabilly DanPk, il polistrumentista Z°g (già con The Murgen) e la spumeggiante bassista Sin, già con Labyrinthus Noctis e già ospite con noi su “Schiuma Su Sto Scroto, Progressista!”. Si intitolerà “Soqquadro Tanz”, e sarà l’opera più ballabile mai affrontata dai DD. La parola “soqquadro” è il paradigma dell’eccezione ortografica per eccellenza, la doppia Q in luogo del Cq; esattamente come noi.
Poi affronteremo, coadiuvati da una schiera di ospiti che andranno dagli amici e sodali Suor Judha e Iblis dei Velch, all’eclettico sperimentalista sonoro Stefano Bertoli, al personalissimo blackster Skvld, un album di musica Drone.
In particolare, con i Velch stiamo costituendo un coro, il “Coro Cerimoniale della Milizia di Velch”, che contribuirà a forgiare le parti corali dei futuri lavori delle rispettive band, così da ripercorrere la mitica arte coreutica propria delle rappresentazioni teatrali dei nostri ancestri greci, etruschi e romani.
E ancora, ma questa per ora è solo un’intenzione, stiamo pensando ad un album di musica Oi che vedrà coinvolti anche musicisti di area identitaria. Magari distribuito in musicassetta..chissà.

Ho lasciato intenzionalmente per ultima la preparazione di un singolo destinato alla compilazione di un magnifico progetto del quale possiamo dichiararci i primi firmatari. Si tratta di una “compilation” ideata e promossa dall’intrepido musicologo e musicista Antonello Cresti, tutta dedicata a sfanculare il “politically correct” e i suoi cagnacci da guardia. Ecco, la genialità e il coraggio dell’iniziativa di Cresti consiste proprio nella sua determinazione a fare l’appello, da uno scranno mediaticamente altolocato, di chi è veramente ribelle e chi no. Di chi intende mettere la propria faccia a sputare contro i devastatori di statue e i leccaculi di regime, e chi no. L’appello di chi mette la mascherina sul muso e di chi se la mette sul culo (come abbiam fatto noi). Non a caso la compilation si intitolerà “O Sarai Ribelle, O Non Sarai” e sarà distribuita digitalmente dalla nostrana Hellbones Records.
Per me sarà una goduria veder finalmente costretti ad uscire dal buco del loro cerchiobottismo tutti quei pusillanimi che aspetto al varco da anni, i cui nomi – ne sono certo - latiteranno dalla lista dei partecipanti.


È vero o è una leggenda metropolitana che alcuni dei tuoi colleghi si sono allontanati dalla tua collaborazione?

Devo dire che non è affatto una leggenda. Ci sono state abiure postume di alcune collaborazioni vocali che mi sono state richieste nel tempo, abiure dovute alla scomodità che i DD rappresentano talvolta persino agli occhi dei propri stessi sodali, i quali ci chiedono collaborazioni e poi se ne pentono. Già, perché un conto è ammirare un artista come il sottoscritto per il suo coraggio eversivo; altro conto è accettare di sporcarsi le mani con lui agli occhi del proprio pubblico, magari non particolarmente avvezzo ad ammirargli le chiappe. Certo, tu mi dirai: ma non potevano pensarci prima? Sì, avrebbero dovuto, infatti; ma forse l’ingordigia mediatica di avere il mio nome fra i loro ospiti li ha indotti ad esagerare col dolce, e adesso, invece di chiudersi in palestra a tesaurizzare tutta quell’energia vitale, si sono chiusi al cesso pregando di non scagazzarsi il muro.

In questi 30 anni c'è qualcosa che cambieresti nella tua carriera di artista?

No. Anzitutto perché la storia di una vita umana, esattamente come quella del mondo intero, non si riscrive, semmai si migliora per i giorni a venire. E poi perché mi sono divertito troppo, sotto ogni punto di vista, e non saprei cosa inventarmi per fare di meglio la prossima vita. Forse fidarmi meno di qualcuno, quello sì.


Lascia che ti racconti un episodio "dietro le quinte". Quando ero vicedirettore capo di una webzine italiana, un recensore si rifiutò di ascoltare la vostra musica e di recensirla. Mi sono presa l'onore e la responsabilità di recensirla io stessa. Poi il sito è diventato di mia proprietà, mi è stato rubato e magicamente sono scomparsi molti articoli, compresa la recensione. Questo recensore si è concentrato sulle idee politiche.
Perché pensi che la politica sia così radicata da cancellare l'ovvio, che la musica dovrebbe essere "super partes"?

So perfettamente che i DD sono il male assoluto per molta stampa. In parte perché molti editori temono le reazioni dei propri lettori alla divisività delle provocazioni che lanciamo nelle interviste; in parte perché stiamo direttamente sul culo a determinati editori. Detto ciò, devo rilevare un gran fermento positivo verso la nostra band, in particolare dopo l’uscita di “In Sanctitate…” che è stato accolto con molta apertura e ottime recensioni anche da piattaforme “mainstream”. Questo dimostra due cose: che quanto predichiamo da anni non era poi così assurdo e e inverosimile (si pensi al tema della sostituzione etnica in corso); e che il nostro valore artistico prescinde dalle nostre idee politiche. Prova ne sia che la strategia censoria dei nostri detrattori è cambiata del tutto: mentre prima davano addosso ad ogni scorreggia che facevamo, strepitando e strappandosi I capelli, ora sono passati al silenzio totale per evitare di farci pubblicità. E lo hanno dichiarato esplicitamente in più occasioni, creando una sorta di tam tam a non pubblicare né news né recensioni né interviste sui DD. Quindi, sappi, Valeria, che stai commettendo un atto eversivo non solo contro il politicamente corretto, ma anche contro molti tuoi “colleghi”.

Grazie per il tuo tempo, l'intervista è terminata, anche se ci sono milioni di domande da fare.
Come concluderesti questa intervista? C'è qualcosa che vorresti aggiungere, qualcosa che non le ho chiesto?

Grazie a te per l’impegno, il coraggio e la disponibilità (oltre che per la traduzione). Concludo con due inviti: il primo ai musicisti di area identitaria che si pavoneggiano fra un bignami di Evola e una ragnatela sul bavero, senza mai aver fatto un cazzo di concreto: abbassate le creste e, piuttosto, muovete il culo partecipando alla compilation di Antonello Cresti (il bando lo trovate sul suo profilo).
Il secondo ai blackmetallers: se volete dimostrare davvero quanto siete estremi e feroci, anziché profanare chiese deserte e pisciare nelle madonnine di Lourdes della nonna, andate a prendervela con quelle religioni di merda che vi affettano il pisello se non vi mettete a pecorina almeno 5 volte al giorno. Le vostre ragazze nemmeno se ne accorgeranno.


La mia soavità,
G/Ab Svenym Volgar dei Xacrestani, leader dei Deviate Damaen


Valeria Campagnale


Email

magazinerockersandotheranimals@gmail.com

All rights reserved - ROKERS AND OTHER ANIMALS® Magazine and Press Office 2017-2021
Get in touch with the
Magazine and Press Office